Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

Lo Schneemilch

La storia nel piatto

Lo “Schneemilch“ è un antico dessert della Val Venosta che veniva preparato nei giorni di festa. Come accadeva in passato, ancora oggi per la Vigilia di Natale e per altre feste questo dolce al cucchiaio viene servito in una terrina al centro della tavola da condividere con gli altri commensali.
Gli ingredienti principali sono il pane bianco a fettine, l’uva sultanina, la panna e gli albumi montati a neve, ma ogni valle, ogni maso e ogni cucina lo prepara in maniera diversa. Il dolce è nato dall’usanza di assaggiare la prima panna che andava a depositarsi sul coperchio della zangola. Dolcificato e spalmato su pezzetti di pane, era una vera prelibatezza per tutti. La leggenda vuole che, messo sul davanzale delle finestre, servisse come esca per stanare i futuri generi dal loro nascondiglio.
In un maso di montagna lo “Schneemilch” aveva un altro sapore da quello preparato a valle e quello dei contadini abbienti era molto diverso da quello delle famiglie povere. Oltre allo zibibbo, alcuni univano noci, fichi secchi o pinoli al pane tagliato a cubetti o a fettine. Con la panna a strati o solo sopra, in Val Venosta lo “Schneemilch” viene guarnito con la cannella, il cacao in polvere o i fiocchi di cioccolata.


​Da rileggere:
de Rachewiltz, Siegfried: Brot im südlichen Tirol. Schlanders 1980
Fink, Hans: Südtiroler Küche Tisch und Keller. Im Lauf der Jahrhunderte. Bozen 1980
Platzer, Erik & Asam, Oskar & Theiner, Otto: Köstliches aus dem Vinschgau. Der Geschichte der Vinschger Küche auf der Spur. Überlieferte Rezepte, original und verfeinert. Bozen 2008
Rampold, Josef: Vinschgau - Landschaft, Geschichte und Gegenwart am Oberlauf der Etsch - Das westliche Südtirol zwischen Reschen und Meran. Bozen 1977
 
20.12.2016Locanda Sudtirolese
 

Gli Schlutzkrapfen

La storia nel piatto

Nella tradizione contadina, il pasto più importante dlla settimana non era il pranzo della domenica, ma la cena del sabato, coronamento di una lunga settimana di lavoro. Nella Val Pusteria spesso si servivano gli “Schlutzkrapfen”.
02.05.2017Locanda Sudtirolese
 
 
 
Dettaglio
 
 
 

Il bue di Pasqua della Val Casies

La storia nel piatto

Il bue di Pasqua della Val Casies veniva apprezzato per la sua carne tenera. Si racconta che trionfasse sulla tavola pasquale degli Asburgo a Vienna.
16.04.2017Locanda Sudtirolese
 
 
 
Dettaglio
 
 
 

Lo Schneemilch

La storia nel piatto

Lo “Schneemilch“ è un antico dessert della Val Venosta che veniva preparato nei giorni di festa. Come accadeva in passato, ancora oggi per la Vigilia di Natale e per altre feste questo dolce al cucchiaio viene servito in una terrina al centro della ...
20.12.2016Locanda Sudtirolese
 
 
 
Dettaglio
 
 
 
 
Contatto
Gruppo „Locanda Sudtirolese“
c/o HGV-Service Cooperativa
Via Macello, 59-39100-Bolzano (I) - www.gasthaus.itTel. +39 0471 317 700 - Fax +39 0471 317 701Part. IVA 00576540215
Newsletter
© 2018 Locande sudtirolesi.produced by Zeppelin Group – Internet Marketing
HGV
Gastrofresh
Qualità Alto Adige
Vini Alto Adige
Locanda sudtirolese ha più di 2.000 fan - Seguiteci anche voi su Facebook!