Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 

I canederli

La storia nel piatto

I canederli sono il piatto simbolo del Tirolo. Questo piatto era protagonista dei menù contadini e si mangiava il martedì, il giovedì e la domenica.
La più antica testimonianza del canederlo sudtirolese è raffigurata su un affresco del XII secolo che decora la cappella di Castel Appiano: Maria osserva una giovane seduta davanti a una padella che con gusto porta alla bocca un canederlo. Nel rappresentare questa scena biblica, l’artista ha inserito un particolare della cucina locale.
I canederli sono il piatto simbolo del Tirolo. In ogni valle si cucinano in maniera diversa: in Val Passiria e nel Burgaviato si fanno col grano saraceno, in Val Pusteria sono famosi quelli di magro e quelli pressati, nell’Alta Val Venosta si cucinano al vapore e non nell’acqua. Questo piatto era protagonista dei menù contadini e si mangiava il martedì, il giovedì e la domenica. Nella zona di Bolzano e Merano, in estate i canederli di grano saraceno arrivavano in tavola tutti i giorni, quelli allo speck solo la domenica e nei giorni di festa. In tempi di carestia la pancetta a cubetti veniva sostituita con le rape.
Una volta bolliti, i canederli si mangiavano nel brodo come primo piatto e asciutti con l’insalata verde o di cappucci come secondo. I canederli venivano serviti su piatti individuali quando solitamente era d’uso mangiare da una padella comune posta su un tagliere al centro della tavola. Tagliare i canederli col coltello è un terribile affronto per la cuoca: infatti la tradizione impone di spezzarli con la sola forchetta.


Da rileggere:
Colleselli, Franz: Essen und Trinken bei der bäuerlichen Bevölkerung Tirols. In: Ausstellungskatalog „Essen und Trinken“, Tiroler Landesmuseum Ferdinandeum. Innsbruck 1967
Fink, Hans: Südtiroler Küche Tisch und Keller. Im Lauf der Jahrhunderte. Bozen 1980
Fink, Hans: Verzaubertes Land. Volkskult und Ahnenbrauch in Südtirol . Innsbruck Wien München 1969
Grape, Wolfgang: Unerwartetes und Unterhaltsames in der Kunst des frühen und hohen Mittelalters. München 2008
Hubatschek, Erika: Über Alltagskost beim Tiroler Bergbauern. In: Beiträge zur Volkskunde Tirols. Festschrift zu Ehren Herrn Wopferns, 2. Teil (Schlern-Schriften Nr. 53), Innsbruck 1948, S. 159-178
Perwanger, Hanna: Südtiroler Leibgerichte. München 1967
Wiegelmann, Günther: Alltags- und Festspeisen in Mitteleuropa. Innovationen, Strukturen und Regionen vom späten Mittelalter bis zum 20. Jahrhundert. Münster 2006²
Wiesmüller, Maria: Knödel. Innsbruck 1998
Wopfner, Hans: Volksnahrung und Volksgetränk. In: Tirol. Land und Natur, Volk und Geschichte, geistiges Leben. Hrsg. vom Hauptauschuß des Dt. und Österr. Alpenvereins. München 1933, S. 198-205
 
15.06.2017Locanda Sudtirolese
 

Mezzelune alle mandorle di zia Rosl

La storia nel piatto

La storiella delle mezzelune alle mandorle di zia Rosl  raccontata da zia Maidl, figlia più anziana della 5a generazione Jochele.
17.12.2018Locanda Sudtirolese
 
 
 
Dettaglio
 
 
 
 
Contatto
Gruppo „Locanda Sudtirolese“
c/o HGV-Service Cooperativa
Via Macello, 59-39100-Bolzano (I) - www.gasthaus.itTel. +39 0471 317 700 - Fax +39 0471 317 701Part. IVA 00576540215
Newsletter
© 2019 Locanda Sudtirolese.produced by Zeppelin Tourism – Internet Marketing
Südtirol Logo
Qualità Alto Adige
Vini Alto Adige
Locanda sudtirolese ha più di 2.000 fan - Seguiteci anche voi su Facebook!