|  


Locanda Sudtirolese

Lo "Schneemilch"

Lo “Schneemilch“ è un antico dessert della Val Venosta che veniva preparato nei giorni di festa. Come accadeva in passato, ancora oggi per la Vigilia di Natale e per altre feste questo dolce al cucchiaio viene servito in una terrina al centro della tavola da condividere con gli altri commensali. Gli ingredienti principali sono il pane bianco a fettine, l’uva sultanina, la panna e gli albumi montati a neve, ma ogni valle, ogni maso e ogni cucina lo prepara in maniera diversa. Il dolce è nato dall’usanza di assaggiare la prima panna che andava a depositarsi sul coperchio della zangola. Dolcificato e spalmato su pezzetti di pane, era una vera prelibatezza per tutti. La leggenda vuole che, messo sul davanzale delle finestre, servisse come esca per stanare i futuri generi dal loro nascondiglio.
In un maso di montagna lo “Schneemilch” aveva un altro sapore da quello preparato a valle e quello dei contadini abbienti era molto diverso da quello delle famiglie povere. Oltre allo zibibbo, alcuni univano noci, fichi secchi o pinoli al pane tagliato a cubetti o a fettine. Con la panna a strati o solo sopra, in Val Venosta lo “Schneemilch” viene guarnito con la cannella, il cacao in polvere o i fiocchi di cioccolata.

 
Da rileggere:
de Rachewiltz, Siegfried: Brot im südlichen Tirol. Schlanders 1980
Fink, Hans: Südtiroler Küche Tisch und Keller. Im Lauf der Jahrhunderte. Bozen 1980
Platzer, Erik & Asam, Oskar & Theiner, Otto: Köstliches aus dem Vinschgau. Der Geschichte der Vinschger Küche auf der Spur. Überlieferte Rezepte, original und verfeinert. Bozen 2008
Rampold, Josef: Vinschgau - Landschaft, Geschichte und Gegenwart am Oberlauf der Etsch - Das westliche Südtirol zwischen Reschen und Meran. Bozen 1977

Il cuoco consiglia

Ricette del gruppo "Locanda sudtirolese"
Da leggere e sperimentare sono le ricette della cucina tipica dell’Alto Adige raccolte dai ristoratori che aderiscono all’iniziativa “locanda sudtirolese“.